L'Area Marina Protetta delle Cinque Terre

 

L'Area Marina Protetta delle Cinque Terre è stata istituita con il decreto del Ministero dell'Ambiente del 12 dicembre 1997 e comprende i Comuni di Riomaggiore, Vernazza, Monterosso e per una piccola porzione Levanto. L'istituzione delle Aree Marine Protette è prevista da due leggi nazionali: Disposizioni per la difesa del mare (n. 979 del 31 dicembre 1982) e Legge Quadro sulle Aree Protette (n. 394 del 6 dicembre 1991).

La finalità dell'Area Marina Protetta Cinque Terre, che comprende due zone A di riserva integrale e due zone B di riserva generale a Punta Mesco e Capo Montenero e che vanta una ricchezza e varietà straordinaria di specie animali e vegetali, è quella di tutelare e valorizzare le caratteristiche naturali, chimiche, fisiche e della biodiversità marina e costiera, anche e sopratutto attraverso interventi di recupero ambientale, avvalendosi della collaborazione del mondo accademico e scientifico. Per queste ragioni sono costantemente realizzati programmi di studio, monitoraggio e ricerca scientifica nei settori delle scienze naturali e della tutela ambientale, con l'obiettivo di assicurare la conoscenza sistematica dell'area, ma anche per la promozione di uno sviluppo sostenibile dell'ambiente, con particolare riguardo alla valorizzazione delle attività tradizionali, delle culture locali, del turismo ecocompatibile e alla fruizione delle categorie socialmente sensibili.

In questi anni il Parco Nazionale e l'Area Marina Protetta delle Cinque Terre, che dal 1999 sono entrati a far parte del Santuario dei Cetacei, hanno attivato una serie di progetti con numerose aree protette italiane ed europee.

 

IMPORTANTE

Nelle more dell’approvazione del Disciplinare Integrativo al Regolamento di esecuzione ed organizzazione dell’Area Marina protetta delle Cinque Terre anno 2020, è sospeso il rilascio delle autorizzazioni per lo svolgimento di tutte le attività consentite all’interno dell'Area Marina Protetta delle Cinque Terre.

 

documentazione-cinqueterre
Autorizzazioni

Si informa la S.V. che con Deliberazione del Consiglio Direttivo dell’Ente Parco n. 05 del 08.03.2019 è stato approvato Disciplinare Integrativo al Regolamento di esecuzione ed organizzazione dell’Area marina protetta delle Cinque Terre - anno 2019; il documento è disponibile sul sito dell’area marina protetta www.areamarinaprotetta5terre.it

Ai fini del rilascio dell’autorizzazione per l’esercizio delle attività consentite nell’AMP, i soggetti interessati devono presentare domanda all’Ente gestore dell’Area marina protetta, negli appositi moduli compilabili online o scaricabili in formato cartaceo (AUTORIZZAZIONI), allegando la documentazione atta a dimostrare il possesso dei requisiti previsti dal Regolamento di esecuzione ed organizzazione dell’area marina protetta e dal Disciplinare Integrativo.


DOVE PRESENTARE LA DOMANDA
La domanda dovrà essere CONSEGNATA A MANO dalle ore 9.00 alle ore 12.30 dal lunedì al venerdì oppure inviata VIA POSTA IN BUSTA CHIUSA alla sede del Parco Nazionale delle Cinque Terre, in Via Discovolo snc, Località Manarola, 19017 Riomaggiore (SP) – Ufficio Protocollo.

L'ufficio AMP è a disposizione per qualsiasi informazione dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 11.00.

Per le sole attività commerciali l'ufficio AMP riceve dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 11.00 esclusivamente previo appuntamento.

Per ulteriori informazioni Ufficio Area Marina Protetta 0187-762643

e-mail: amp@parconazionale5terre.it